A Tidolo la festa del raccolto e dell’inclusione

25 Giugno

A Tidolo la festa del raccolto e dell’inclusione

A Cascina S. Marco oltre 500 fra ospiti e visitatori per l’evento Progetto Passi da gigante, coinvolti disabili e adulti autistici

Festa del raccolto e dell’inclusione a cascina San Marco a Tidolo, frazione di Sospiro. Più di 500 persone hanno partecipato alla seconda edizione dell’iniziativa che ha visto la partecipazione di una rappresentanza delle 25 imprese che sostengono l’impresa sociale ‘I bambini delle fate’ e quindi il progetto ‘0-30 passi da gigante’ che finanzia le attività della cascina. Le famiglie del territorio hanno raccolto more, lamponi, ribes e mirtilli fianco a fianco con i ragazzi disabili. All’interno di cascina San Marco sono impegnati due gruppi di persone adulte di Fondazione con diversi gradi di disabilità e autismo. Un gruppo operativo formato da 11 persone che lavorano dal lunedì al sabato mattina e un altro gruppo, i cosiddetti frequentatori, formato da una trentina di persone che si impegnano alcuni giorni alla settimana a rotazione. Qui vengono coltivati e raccolti i frutti rossi che vengono portati in laboratorio per essere trasformati in confettura nel laboratorio al piano inferiore. Al piano superiore viene svolta l’attività di etichettatura. E proprio domenica si è tenuto un evento per festeggiare un anno di vita. Dopo l’incontro con gli imprenditori, durante il quale si sono susseguiti gli interventi del presidente di cascina San MarcoSimone Zani, di Oreste Scanzi e Franca Spallarossa rappresentanti locali dei bambini delle fate e di Marilena Zacchini coordinatrice del progetto ‘0–30 passi da gigante’, la festa è entrata nel vivo aprendosi al territorio. «Un ottimo lavoro di squadra in cui anche i nostri ragazzi con disabilità intellettiva e fragilità comportamentali hanno dato il meglio di sé» ha detto Zani. Sono intervenuti anche il sindaco Fausto Ghisolfi,il presidente di Fondazione Sospiro Giovanni Scotti, i due consiglieri di cascina S. Marco: Liana Boldori e Francesca Scudellari, i vertici di Padania Acqua, il parroco don Federico Celini, l’as sociazione carabinieri in congedo con Andrea Scolari e il gruppo di Protezione civile. Per l’occasio – ne si è tenuta l’esibizione di Chiara Pedroni, campionessa italiana di danza sportiva in sedia a rotelle, uno spettacolo di danza promosso da Teatro Danza Cremona, canti e balli con i bimbi del grest di Sospiro.

articolo a firma di Serena Ferpozzi tratto da La Provincia di Cremona del 25 giugno 2019

Potrebbero interessarti:

03 Aprile

CALL FOR PAPER – CONVEGNO NAZIONALE SULLA QUALITA’ DELLA VITA PER LE PERSONE CON DISABILITA’

Il convegno sulla qualità della vita per le persone con disabilità promosso da Fondazione Sospiro Onlus...

Leggi di più

20 Marzo

NUOVI MASTER ABA! PRIMO E SECONDO LIVELLO

AMICO-DI e FONDAZIONE SOSPIRO promuovono due percorsi MASTER in APPLIED BEHAVIOR ANALYSIS (ONLINE SINCRONO e ASINCRONO),...

Leggi di più

12 Marzo

19° CONVEGNO NAZIONALE SULLA QUALITA’ DELLA VITA PER LE PERSONE CON DISABILITA’

SAVE THE DATE - 5 - 6 SETTEMBRE 2024 NUOVE SFIDE Fissate le date del 19°...

Leggi di più

Copyrights 2024 - FONDAZIONE ISTITUTO OSPEDALIERO DI SOSPIRO - Tutti i diritti riservati - Termini e Condizioni - Cookie Policy